lunedì 3 ottobre 2011

SCOZIA & POLAROID

Le vacanze, si sa, si vorrebbe non finissero mai ...


... cosa alquanto improbabile, ma personalmente mi accontenterei anche solo di sei mesi ogni anno  :-)
Purtroppo anche questa opzione pare essere di difficile realizzazione e quindi si cerca sempre di ottenere il massimo da "quello che si ha".

Una delle cose più difficoltose per me quando programmo un viaggetto, è decidere quali macchine fotografiche portare.
L'idea iniziale è sempre la stessa .. "quest'anno ne porto solo una !", poi però penso che una panoramica può sempre servire e che la Leica con il 35 non può certo mancare .... che dire poi di una o due toy cameras ? se le lasci a casa, stai pur sicuro che ti ritrovi certamente davanti a qualche scenario decisamente adatto.






Quindi, alla fine, mi dico che è meglio esagerare piuttosto che sentire la mancanza di qualcosa .. e di conseguenza infilo in valigia pure una Polaroid (che non fa mai male).

Così alla fine mi ritrovo con una borsa stracolma di roba analogica e relative pellicole.

Fortunatamente non sono più molto attratto dalle fotocamere digitali e da qualche tempo me le "dimentico" a casa sostituendole con l' iPhone che trovo molto più divertente.
































































Queste immagini sono state scattate sulle nuove pellicole Impossible PZ UV+ monocromatiche ... dovrebbero essere in bianco e nero, ma visti i risultati non troppo costanti, preferisco definirle monocromatiche.
A differenza delle vecchie Polaroid, queste non possono assolutamente prendere luce durante la fase dello sviluppo. Non possiamo quindi tenerle in mano come si faceva una volta e attendere il formarsi dell'immagine, ma dobbiamo immediatamente ripararle dalla luce appena escono dalla fotocamera e aspettare diversi minuti prima di poterne vedere il risultato.
L'attesa, diciamolo pure, è alquanto noiosa e quindi per ingannare il tempo ho pensato di manipolarle alla cieca sul retro.  La dominante sepia e la decisa colorazione ocra sui bordi, le ho ottenute con l'ausilio della fiamma di un accendino.

4 commenti:

  1. mi piacciono moltissimo,complimenti!poi la polaroid ha sempre un suo fascino particolare in ogni scatto!

    RispondiElimina
  2. Beh, complimenti per tutto quel che vedo e per la tua competenza.
    Il tema del ritorno all'analogico è articolato, e lo è almeno quanto quello sulla tendenza ad usare l'iPhone con le relative app. Meglio la Holga...

    RispondiElimina
  3. Found you through the Wrench Monkees blog... love your photograph!!

    RispondiElimina